traduzione documenti EKR Orchestra PIM

Affronta le sfide della globalizzazione dei mercati con una tecnologia che renda veloce ed economica la localizzazione dei documenti che parlano del tuo prodotto.

Forse la tua azienda sta crescendo, espandendo la sua attività in nuovi mercati.

Magari sei preparato alle nuove sfide che ti si presenteranno, ma le barriere linguistiche potrebbero essere un ostacolo.

Dovrai tradurre una grande quantità di materiali: cataloghi, schede tecniche, pagine web, brochure, manuali d’uso e manutenzione. Forse sarà necessario localizzare anche le interfacce dei display delle macchine.

Giocoforza dovrai affidarti a dei traduttori, affrontando dei costi non trascurabili.

Un vero grattacapo!

Come ottimizzare questa attività evitando sprechi e capitalizzando gli sforzi?

A questo punto è utile capire come lavora un’agenzia di traduzione.

I traduttori si affidano a “strumenti CAT” (Computer-Assisted Translation). Sono strumenti chiave che non fanno le traduzioni, ma aiutano i traduttori a esser più veloci, precisi e efficienti, suggerendo traduzioni già utilizzate e possibili varianti di traduzione.

È molto probabile che tu ti rivolga a un’agenzia di traduzione fornendo loro dei documenti già impaginati in Word o Indesign.

L’agenzia, acquisito il tuo documento, estrarrà ogni singola frase in esso contenuta, e affidandosi appunto a strumenti CAT, tradurrà ogni singola frase. Dopodiché reintrodurrà le frasi tradotte in un documento analogo a quello di partenza, ma ora tradotto.

Totalmente diverso il flusso se di dispone di un PIM (Product Information Management)

Immaginiamo per un momento che il nostro documento in lingua base (il catalogo, la scheda tecnica, il listino o il manuale) sia come un apparecchio, una macchina.

  • La macchina è fatta di pezzi (componenti).
  • I pezzi vengono realizzati da svariati fornitori.
  • I pezzi arrivano dai fornitori nel magazzino e vengono codificati e stoccati secondo una certa logica, affinché possano essere perfettamente identificati e ritrovati.
  • In base a un progetto (una distinta base), i pezzi (componenti) vengono assemblati per produrre il manufatto.
  • Alcuni componenti sono comuni a molti manufatti, pensiamo alle viti e bulloni o alle maniglie e agli interruttori, ma vengono assemblati in modo diverso a seconda della distinta base.

Leggi altri articoli qui

Ora torniamo al documento che devi tradurre

Anche il documento è fatto di pezzi: il titolo, il sottotitolo, il paragrafo, la tabella, il disegno, la nota. Pezzi che potrebbero essere prelevati da un magazzino strutturato in cui questi sono stati depositati, codificati e mantenuti da chi li ha generati.

Un processo logico, intuitivo. Ma come fare?

Ci viene in auto la tecnologia.

La base tecnologica si chiama PIM (Product Information Management), una sorta di gestionale delle informazioni che ci permette organizzare e stoccare tutte informazioni, di gestirle e mantenerle.

Gestirle e mantenere le informazioni significa:

  • attribuire un’etichetta che assegni loro un significato
  • fare in modo che non vi siano ridondanze
  • tenere traccia di tutti i passaggi

traduzione documenti EKR Orchestra PIM

Torniamo al documento da tradurre

Se il nostro documento o un qualsiasi agglomerato flat di pezzi (frasi, dati, immagini) come accade in un file Word o Indesign, fosse invece un aggregato (raggruppamento) di pezzi codificati, potremmo estrarre ogni singola frase con il proprio codice identificativo (etichetta).

Sarà allora il software stesso, parte della suite PIM, ad occuparsi di:

  • estrazione di tutte le stringhe di testo presenti nel documento da tradurre
  • eliminazione delle ridondanze (frasi che si presentano più volte)
  • eliminazione delle frasi che già sono presenti nel DB “memorie di traduzione” e che quindi non hanno necessità di esser tradotte
  • predisposizione di un file Excel con le frasi mancanti, pronto per il traduttore.

Ecco un esempio con le colonne predisposte per la traduzione in inglese, cinese, arabo.

traduzione documenti EKR PIM

Quando il traduttore avrà tradotto le frasi nelle lingue desiderate come si vede nell’immagine qui sotto, sarà il software stesso a riaggregare le frasi nel documento impaginato, per la versione nella nuova lingua del documento.

traduzione documenti EKR PIM

La reintroduzione avverrà senza alcun rischio di errore, conservando le caratteristiche grafiche, le posizioni e le formattazioni.

Poiché il PIM permette il riutilizzo di pezzi (frasi / dati ecc.) in documenti plurimi, è certo che con l’andar del tempo avremo sempre meno necessità dei servizi dei traduttori ottenendo dei risparmi notevoli e migliorando sensibilmente il time to market.

Se vuoi ottenere un risparmio del 60/70% sul costo delle traduzioni e aprire nuovi mercati in tempi rapidi chiedi la visita di un consulente EKR.

Scopri EKR Orchestra qui

 

Giorgio Saleri
Business Developer

Leave a reply:

Your email address will not be published.

- Dichiaro di aver letto l'informativa sulla privacy ed acconsento al trattamento dei dati

Site Footer

Sliding Sidebar

Iscriviti alla newsletter

Iscriviti alla newsletter

Resta informato ricevi tutte le ultime notizie!

You have Successfully Subscribed!